Nubart

Il team Nubart

Sviluppo IT

(Articolo scritto da esseri umani)


7 luglio 2024

Come rendiamo accessibili le audioguide PWA di Nubart

I musei si sforzano di essere luoghi fruibili da tutti i cittadini, compresi quelli con disabilità fisiche o cognitive. Ecco perché noi di Nubart ci siamo impegnati al massimo per rendere le nostre audioguide digitali accessibili a tutti. Ti spieghiamo come.


Il blog di Nubart - audioguide digitali accessibili

Accessibilità dei tour audio digitali per le persone ipovedenti

La preoccupazione di facilitare le visite ai musei per i non vedenti risale a molto tempo fa: nel 1913 John Alfred Charlton Deas, ex curatore del Sunderland Museum, invitò i bambini della Sunderland Council Blind School a vedere alcune collezioni del Sunderland Museum attraverso le loro mani. Il successo di questa iniziativa lo incoraggiò a estendere questo tipo di visita anche agli adulti non vedenti.

I bambini ciechi della Sunderland Council Blind School toccano un tricheco al Sunderland Museum
Bambini ciechi al Sunderland Museum - Tyne & Wear Archives & Museums

In un museo, l'accessibilità per i non vedenti non dipende solo dalle audioguide. L'etichettatura in Braille e i punti di contatto tattili che riproducono l'oggetto e lo rendono visibile con la punta delle dita sono un elemento fondamentale per l'inclusione.

Punto di contatto presso il Gruuthusemuseum di Bruges
Touchpoint al Gruuthusemuseum, Bruges (Belgio) - Foto: Nubart

Tuttavia, le audioguide svolgono un ruolo fondamentale nell'aggiungere valore alla visita di una persona non vedente, facendo appello al senso dell'udito piuttosto che a quello della vista. Se il museo non dispone di postazioni tattili, è probabile che l'audioguida sia l'unica fonte di informazioni disponibili per un non vedente sulle opere esposte.

Programmare un CMS accessibile

I moderni smartphone sono dotati di applicazioni molto utili per gli ipovedenti: TalkBack per Android e VoiceOver per iPhone. Si tratta di lettori di schermo basati sui gesti che permettono di ascoltare una descrizione di tutto ciò che è presente sul cellulare, dal livello della batteria al nome del chiamante. È opinione comune che VoiceOver sia migliore di TalkBack, quindi attualmente gli iPhone sono più utilizzati dai non vedenti rispetto agli Android.

Le audioguide di Nubart non utilizzano app, ma si aprono direttamente nel browser del cellulare del visitatore. Tecnicamente, sono delle PWA. Affinché possano interagire con TalkBack o VoiceOver, il nostro team IT ha programmato il CMS che organizza i contenuti digitali con un design universale. Di conseguenza, l'interfaccia delle nostre audioguide è molto sensibile all'uso da parte di utenti ipovedenti. A tal fine, sono state implementate le etichette necessarie affinché la voce artificiale possa indicare correttamente all'utente a cosa serve ogni interfaccia e quali azioni si attivano cliccando su di essa.

Abbiamo completato questo lavoro conducendo diversi test con persone non vedenti per verificare e convalidare l'inclusività delle nostre audioguide.

Codice QR rilevabile dalle dita

Le audioguide PWA sono solitamente accessibili tramite un codice QR, quindi era importante affrontare il tema dell'accessibilità di questi codici. Una persona non vedente può benissimo scansionare un codice QR con la fotocamera del proprio cellulare, purché sappia dove si trova e possa indicare il luogo indicato.

Ad esempio, il Parlamento austriaco ha risolto questo problema posizionando diversi codici QR in rilievo sulle pareti accanto a ogni punto di interesse, consentendo di localizzarli con il tatto.

Seguendo lo stesso principio, anche i codici QR sulle schede delle audioguide Nubart sono stampati con un leggero rilievo, in modo che i visitatori ipovedenti possano identificarli con la punta delle dita. Poiché le schede vengono tenute in mano dal visitatore e un unico codice QR conduce a tutti i contenuti, l'accesso all'audioguida è particolarmente facile e discreto.

Codice QR stampato in rilievo per facilitare l'accessibilità dei non vedenti alle audioguide Nubart.

Descrizioni audio delle mostre

In un'audioguida veramente accessibile, è necessario includere una traccia con la descrizione audio della mostra, che permetta alle persone non vedenti di immaginare e ricostruire mentalmente l'oggetto prima di ascoltare la spiegazione convenzionale fornita dall'audioguida.

In Nubart, l'opzione "descrizione audio" è facilmente accessibile dal menu delle lingue.

Accessibilità dei video proiettati sugli schermi dei musei

Il principio dell'audiodescrizione per i non vedenti si applica anche ai video: un museo veramente accessibile fornirà una colonna sonora che descrive l'azione mostrata sugli schermi.

Questo può essere un problema perché di solito i video hanno una sola uscita audio. Se un museo vuole offrire un video in più lingue, compresa l'audiodescrizione, di solito deve fornire un set di cuffie per ogni lingua. Non solo le cuffie di uso pubblico rappresentano un problema di igiene, ma può essere difficile per un non vedente identificare quale cuffia contiene l'audiodescrizione.

Stazione video con audio in un museo di Berlino
Stazione video con audio in un museo di Berlino - Foto: Nubart

Nubart ha brevettato una tecnologia innovativa per questo scopo, Nubart Sync.

Nubart Sync permette di abbinare a un video una colonna sonora perfettamente sincronizzata in qualsiasi lingua, comprese le descrizioni audio per i non vedenti o le tracce in linguaggio semplice per le persone con disabilità cognitive. Nubart Sync si differenzia da altre tecnologie più complesse e costose perché la colonna sonora viene sincronizzata con il video solo attraverso Internet.

Nubart ha utilizzato Nubart Sync per implementare un'audioguida accessibile presso il Caesarea Port Visitor Center in Israele.


Accessibilità per le persone sorde e con problemi di udito

In linea di massima, per le persone sorde l'offerta di audio in un museo tramite smartphone è di gran lunga migliore rispetto, ad esempio, alla proiezione di suoni con un altoparlante nella sala o all'offerta di dispositivi di audioguida non abilitati. Questo perché oggi quasi tutti i visitatori con problemi di udito possiedono già uno smartphone compatibile con un apparecchio acustico (classificazione M3 o M4) o con un anello di induzione audio (classificazione T3 o T4).

Esistono due modi per fornire l'accesso ai contenuti ai non udenti: le signoguide (tracce video nella lingua dei segni) o le trascrizioni testuali. Entrambe le opzioni presentano vantaggi e svantaggi. L'ideale sarebbe implementare sia il linguaggio dei segni che le trascrizioni per garantire la massima accessibilità ai non udenti.

Signoguide

Se scegli una guida dei segni, Nubart aggiunge questa opzione al menu delle lingue: I video realizzati da un interprete di segni professionista sostituiscono le tracce audio.

Problema delle guide segnaletiche:

  • Le lingue dei segni differiscono sia nel lessico (insieme di segni o gesti) che nella grammatica: la lingua dei segni spagnola non è uguale a quella inglese, ad esempio. Ci sono differenze anche tra l'inglese britannico e quello americano. Gli inglesi utilizzano l'alfabeto bimanuale, comunicando con entrambe le mani, mentre gli americani ne usano solo una. Sebbene esista una Lingua dei segni internazionale (ISL), non è abbastanza preciso da fornire una traduzione affidabile del testo. Si consiglia quindi di utilizzare due guide dei segni: una nella lingua principale dell'audioguida e una nella Lingua dei Segni Internazionale.

  • L'inclusione di guide segnaletiche non garantirà l'accessibilità a tutti i visitatori sordi: dei 360 milioni di persone con problemi di udito nel mondo, secondo l'OMS, solo circa 70 milioni utilizzano la lingua dei segni come prima lingua o lingua madre.

  • La produzione di guide segnaletiche richiede professionisti specializzati ed è costosa.

  • Le guide segnaletiche sono visualizzate in formato video. Trattandosi di file molto grandi, spesso non è possibile precaricarle in modalità offline in luoghi con scarsa copertura. Tuttavia, se il museo dispone di una rete Wifi in tutte le sue strutture o di una buona copertura dati mobile, possono funzionare perfettamente in streaming.

Trascrizioni: un semplice complemento o alternativa

Nubart permette di accedere alla trascrizione del testo dell'audioguida attraverso un pulsante situato accanto a ogni traccia che apre una finestra in sovraimpressione con il testo. Questa opzione è perfettamente compatibile con il precaricamento offline nel caso in cui il museo abbia problemi di copertura.

Le trascrizioni sono forse l'opzione di accessibilità meno costosa da implementare. Tuttavia, non sono affatto la soluzione a tutti i problemi di accessibilità per le persone con problemi di udito.

Problemi con i testi per non udenti:

  • I sordi prelinguali (coloro che perdono l'udito prima dell'acquisizione del linguaggio) trovano molto difficile imparare a leggere e scrivere. Anche se possono imparare a copiare le lettere e a identificarle con le immagini, non possono associare l'ortografia delle lettere agli elementi sonori del discorso. Pertanto, non tutte le persone sorde sono in grado di leggere in modo fluente e l'integrazione della trascrizione non soddisfa le esigenze dell'intero gruppo.

Didascalie dei video

Simile alla trascrizione delle tracce audio, la sottotitolazione aiuta gli spettatori con problemi di udito a comprendere le informazioni audio di un video.


Ecco un video che riassume le applicazioni di Nubart per l'accessibilità:

Qualunque sia la tua situazione, chiedi a noi. Noi di Nubart analizzeremo il tuo caso e ti forniremo un preventivo su misura per le tue esigenze.