Nubart

Il team Nubart

Produzione

31 maggio 2024

Come scrivere una sceneggiatura per audioguide

Alcuni musei si trovano per la prima volta a dover creare un'audioguida e non sanno da dove iniziare. Se sei alla ricerca di un'audioguida classica, non lineare, che si proponga di ampliare le spiegazioni fornite nelle sale del museo in diverse lingue, forse le seguenti indicazioni ti saranno utili.


Nella stesura di un'audioguida è necessario tenere in considerazione i seguenti punti:

  • Crea un elenco di tappe o punti di interesse
  • Scrivi per essere ascoltato, non letto
  • Valuta se includere tracce introduttive.
  • Prendi in considerazione la registrazione di dichiarazioni di curatori o artisti.
  • Calcola la lunghezza dell'audioguida

Scegli le opere della tua mostra che dovranno comparire nell'audioguida.

Anche se il tuo museo è molto piccolo, non sarà possibile (e sicuramente non è auspicabile) creare una traccia di audioguida con le spiegazioni per tutti gli oggetti esposti. Le produzioni audio per le audioguide sono costose, soprattutto se sono necessarie in più lingue, e i visitatori potrebbero sentirsi sopraffatti da troppi contenuti. Ti consigliamo di iniziare con l'essenziale. Se necessario, potrai sempre ampliare la tua audioguida in un secondo momento con nuovi punti di interesse e nuove lingue.

Prima di iniziare a scrivere la sceneggiatura di un'audioguida, dovrai stilare un elenco delle opere che vuoi vedere nella tua audioguida. La tua scelta sarà anche un modo indiretto per attirare l'attenzione dei visitatori sulle opere a cui vorresti che prestassero particolare attenzione. Non è una decisione facile da prendere, ma ci sono alcuni criteri che possono aiutarti:

  • Si tratta di un pezzo di enorme valore storico o artistico, in altre parole, un pezzo forte del museo che sarebbe inconcepibile escludere dall'audioguida.
  • È un pezzo la cui funzione o importanza sarebbe difficile da capire senza una spiegazione.
  • Si tratta di un pezzo non molto significativo dal punto di vista artistico o storico, ma con una storia alle spalle che lo rende memorabile.
  • È un pezzo che attira l'attenzione del pubblico, indipendentemente dal suo significato o valore.

Il numero di posizioni in questa lista dipende da diversi fattori, come le dimensioni del museo e, ovviamente, il budget e il tempo a disposizione.

È normale che i visitatori prestino molta più attenzione alle opere all'inizio della visita, quando sono ancora pieni di energia e la Museum Fatigue non si è ancora fatta sentire. Studi scientifici hanno dimostrato che dopo trenta minuti i visitatori dei musei perdono la capacità di concentrazione e fanno più fatica a stare davanti a un oggetto e ad ascoltare una spiegazione. Quindi, se esageri con il numero di elementi dell'audioguida, corri il rischio di saturare il pubblico nelle prime sale e di fargli attraversare di fretta le ultime.

Trenta minuti di audioguida equivalgono a circa 15-20 punti di interesse.

Prepara un testo da ascoltare e non da leggere.

La concentrazione nell'ascolto è molto diversa dalla concentrazione nella lettura. È importante scrivere tenendo conto dell'audioguida:

  • Riduci i dati numerici all'essenziale. La dimensione di una tela in centimetri è un dato adatto da apporre su un poster accanto all'opera esposta, ma non per il testo di un'audioguida.
  • Leggi il testo ad alta voce prima di scriverlo. Ad esempio, se scrivi: "Picasso (Malaga 1881 - Mougins 1973)", diventa "Picasso, nato a Malaga nel 1881 e morto a Mougins nel 1973".
  • Evita frasi lunghe con clausole subordinate. Taglia o dividi le frasi che trovi difficili da leggere ad alta voce. Se per te è difficile leggerle, per il visitatore sarà tre volte più difficile ascoltarle e assimilarle.
  • Evita il gergo professionale o il vocabolario altamente specializzato. La funzione di un'audioguida è quella di diffondere e rendere accessibile a tutti gli spettatori l'argomento del tuo museo. Se è indispensabile utilizzare un termine molto tecnico, non dimenticare di spiegarlo di seguito.
  • Cerca di inserire un aneddoto o un fatto divertente ogni volta che puoi. I fatti divertenti ti aiutano a rimanere concentrato e a ricordare la tua spiegazione.
  • Faidelle domande al tuo pubblico. Ad esempio: "Hai notato il pezzo di ottone che sporge dalla porta di questa carrozza? Èstato usato per..." è meglio di "Il pezzo di ottone che sporge dalla porta della carrozza è stato usato per...".

Integra la spiegazione degli oggetti esposti con indizi introduttivi.

Le audioguide non devono limitarsi alle spiegazioni degli oggetti esposti. Puoi aggiungere degli indizi introduttivi, ad esempio per introdurre il contenuto di una stanza o per dare una panoramica generale sull'artista le cui opere sono esposte. Tieni presente che, non essendo legati ad alcun oggetto specifico, gli indizi introduttivi sono di solito quelli che richiedono maggiore concentrazione e sforzo da parte del visitatore. Limitati a quelli essenziali e cerca di renderli particolarmente attraenti e brevi.

Prendi in considerazione la possibilità di includere registrazioni vocali di curatori e artisti.

Questo consiglio è sempre valido, ma è particolarmente utile per le mostre temporanee, quando il tempo è poco e non è sempre possibile dedicare settimane alla stesura di un copione. Le testimonianze parlate del curatore della mostra, degli artisti o della direzione del museo sono facili e veloci da ottenere e forniscono un'autenticità che il tuo pubblico apprezzerà.

Inoltre, i curatori di una mostra spesso passano inosservati al grande pubblico. Molti apprezzeranno l'opportunità di contribuire con il loro particolare punto di vista sulla concezione della mostra o sulla scelta di una particolare opera.

Per fornire un audio originale in altre lingue, il testo deve essere trascritto utilizzando uno dei tanti programmi software disponibili in commercio, quindi tradotto nell'altra lingua e doppiato. Per mantenere l'autenticità della voce originale e per far capire ai visitatori che stanno ascoltando le opinioni di una persona specifica, si consiglia di simulare una traduzione simultanea tramite sovraincisione o sovrimpressione vocale.

Calcola la durata dell'audioguida

Sintetizzare le informazioni è una sfida, ma una colonna sonora troppo lunga può essere molto opprimente per un visitatore. Ciò che sembra molto breve quando si è comodamente seduti a casa, diventa molto lungo quando ci si trova davanti a una vetrina con molte persone intorno.

Idealmente, le tracce dell'audioguida non dovrebbero durare più di due minuti.

La velocità media di conversazione in italiano è di 130 parole al minuto. Quindi ti consigliamo di scrivere per ogni punto di interesse un testo di massimo 300 parole.

Sicuramente nessuno dei tuoi visitatori ascolterà tutte le tracce della tua audioguida di fila: proprio una delle attrattive di questa risorsa è che il visitatore può scegliere quali pezzi vuole approfondire. Tuttavia, se mettiamo insieme tutti i brani, il tempo totale non dovrebbe superare quello necessario per visitare la mostra senza l' audioguida.

Probabilmente il tuo museo ha già calcolato il tempo medio che i visitatori trascorrono nel museo: una buona linea guida per la durata ideale di un'audioguida è dividere questo tempo a metà. Quindi, se di solito i visitatori si fermano per un'ora nel museo, l'audioguida potrebbe avere una durata totale di 30 minuti.